LA RICERCA DEL TEMPO SACRO

La Legenda Aurea è una raccolta medievale di biografie agiografiche composta in latino da Jacopo da Varazze, frate domenicano e vescovo di Genova. Fu compilata a partire circa dall’anno 1260 fino alla morte dell’autore, avvenuta nel 1298. L’opera costituisce ancora oggi un riferimento indispensabile per interpretare la simbologia e l’iconografia inserite in opere pittoriche di contenuto religioso.La Legenda Aurea fu dopo la Bibbia l’autentico bestseller tardo medievale: se ne contano migliaia di manoscritti, oltre a moltissime edizioni a stampa. Ma il buon domenicano genovese, con la sua raccolta agiografica, non aveva certo voluto né potuto far un lavoro di critica storica: egli si era limitato a raccogliere le leggende correnti, in qualche caso ad aggiungervi o a togliervi dei particolari, spesso a ricucirli in veri e propri “romanzi devoti”, come si vede il 6 gennaio a proposito dei magi e il 14 settembre riguardo alla leggenda del legno della vera Croce, temi che come si sa incontrarono uno straordinario successo nell’interpretazione degli artisti.Tuttavia, la critica era stata e resta durissima a proposito della verosimiglianza storica di quelle leggende: e i dotti gesuiti bollandisti, impareggiabili studiosi critici delle biografie santorali, la condannarono senz’appello come “leggenda non d’oro, bensì di piombo”. Più indulgenti, studiosi di valore come Alain Boureau hanno definito l’opera una “compilazione”, cosa che del resto nel medioevo non era affatto indecorosa, al contrario.

11053371_652688378176768_5194167296851969255_n (1)

Vite di santi – miniatura iniziale dalla “Legenda Aurea” di Jacopo da Varazze, Francia ,1382 – Londra, British Library.

a cura di Lucica Bianchi e Trifone Cellamaro

LA VERGINE DELLE ROCCE

 

Grandissimi doni si veggono piovere da gli influssi celesti ne’ corpi umani molte volte naturalmente; e sopra naturali talvolta strabocchevolmente accozzarsi in un corpo solo bellezza, grazia e virtú, in una maniera che dovunque si volge quel tale, ciascuna sua azzione è tanto divina, che lasciandosi dietro tutti gli altri uomini, manifestamente si fa conoscere per cosa (come ella è) largita da Dio, e non acquistata per arte umana. Questo lo videro gli uomini in Lionardo da Vinci.”

Giorgio Vasari, Le Vite

 

10388061_627859293993010_2941738027309540905_n

nell’immagine:La Vergine delle Rocce dopo il restauro con la sua cornice, National Gallery, London

 

Interessante è la storia che si accompagna al quadro, un storia che solleva molti interrogativi, come del resto fanno diverse opere di Leonardo e la sua stessa vita, che, scriveva il Vasari nella prima stesura de “Le Vite” (1550), era come “circondato da un alone ambiguo di potenza magica, di incantamenti, di non naturali seduzioni”. E se pure per spiegare il quadro (soprattutto lo straordinario fondale di rocce, acque, vegetazione, montagne che si stagliano in un cielo incandescente), si sono richiamati elementi inconsci o addirittura messaggi esoterici, e le interpretazioni si siano succedute nel tempo, il vero mistero è nella sua realizzazione, anzi nella loro realizzazione.La Vergine delle Rocce esiste infatti in due versioni: quella di Londra, e un’altra esposta al Louvre, che è precedente. E questo è il primo piccolo mistero. Perché Leonardo, autore di diversi “non finiti” ha deciso addirittura di dipingere due volte quella Madonna con bambino, un angelo e San Giovannino ? Nel 1483 gli fu dato l’incarico di realizzare quello che doveva essere il pannello centrale di una pala d’altare per la Confraternita dell’Immacolata Concezione di Milano. Aveva 31 anni, era appena arrivato da Firenze e pare che realizzasse l’opera abbastanza rapidamente. E’ questo il dipinto del Louvre che però non è mai rimasto sull’altare milanese perché Leonardo, scontento del prezzo pattuito, cui seguì una lunga diatriba coi “confratelli” si decise a venderlo, pare, allo stesso Ludovico Sforza, ripromettendosi di realizzarne un altro – in tempi più dilatati – per la Confraternita. E lo fece, ma in 25 anni. La pala sostitutiva, consegnata nel 1508, era ancora a Milano nel XVIII secolo, quando fu acquistata dal pittore inglese Gavin Hamilton che nel 1880 lo rivendette alla National Gallery.
“…circondato da un alone ambiguo di potenza magica, di incantamenti, di non naturali seduzioni”.

 

 

Lucica Bianchi

 

Questo Amore…poesie scelte di Iris Battistini

BIOGRAFIA DI IRIS BATTISTINI Affascinata sin da bambina dalla poesia, Iris Battistini, che vive e lavora a Cesena come impiegata presso l’Ausl Romagna, ha cominciato a scrivere e a pubblicare poesie nell’età adulta. Ha pubblicato quattro raccolte di liriche: Il dono di credere, Le parole che mi suggerisci, Fino alla luna e Come una prima neve con la Società Editrice “Il Ponte Vecchio”. Sue poesie sono pubblicate nell’Antologia Il dolce canto della poesia, Canto d’amore alla luna e Sogno d’un mattino di primavera della Casa Editrice SD Collezioni, nell’Antologia Nostalgia di Itaca della Casa Editrice Liminamentis. La partecipazione nel 2014 al suo primo concorso a Poeti Poesia con la poesia “Tra le mie braccia” dedicata al padre, le ha aperto la porta alla collaborazione con la Casa Editrice Pagine in pubblicazioni di poesie nella Collana Sentire, nell’Eclusiva Ancore 7 Autori e prossima è la pubblicazione di poesie nella nuova Collana di Poeti Contemporanei 4 Autori Vibrazioni Sue poesie sono pubblicate anche su numerose riviste letterarie.

QUESTO AMORE

Questo amore rischiara questa mia sera

Questo amore mi salva se,

al di là delle stelle,

un qualche Dio non ci sarà

10325541_370957266424968_7110256159263884762_n

CON OCCHI DI BIMBA

Vorrei ogni volta

accarezzare il tuo giovane bel viso

Ma ogni volta sei sempre tu

soltanto le mie vecchie ossa

accarezzare con tutte le sfumature delle tue parole

ed io resto lì a contemplarti immobile

con occhi ancora di bimba

11042668_370949859759042_8976452467447106392_n

VIENI QUI

Vieni nel mio silenzio

Vieni qui che ti abbraccio e vivo

11026025_370952263092135_6004451867622793178_n

NON POSSO PIU’ DIRTI ·

Non posso più dirti

del colore dei miei giorni

o di notti senza sogni e senza stelle

Non deve posarsi un’ombra sui tuoi occhi

se talvolta t’accadrà di ricordarmi

16464_370980416422653_7320211533810046154_n

DOMANI

Domani non sarà notte

Già sento in cima aprirsi la porta

e l’onda calda de tuo sorriso

mentre salgo senza fatica le scale

Domani

18500_370987839755244_3166923821925940479_n

RESTERAI

Resterai

Resterai per sempre

Come un qualcosa di bello e di buono

Come un infinito lontano

10502207_371053466415348_7939045219427243994_n

SOLO IL SOLE

Son di lucciole i tuoi occhi

e hai il grano tra i capelli

Sulle guance son papaveri

e hai il miele sulle labbra

Sul tuo sorriso,

solo il sole,

a illuminare,

il mio bimbo,

la sua mamma

Iris Battistini

11025662_375012829352745_6242689079815758148_n

I COLORI DELLA TUA VITA

Appesi ai filari delle stanze

i colori della tua vita

la sera prima dell’alba decidi il colore del giorno

Ti vesti d’ambra e d’avorio

di bacche e mirtilli e,

dei boschi, indossi ogni sfumatura

Ed è soltanto tua quest’arte,

tessere armonie fra mille colori e se pizzo,

seta o organza,

e di di collane, orecchini e fermagli,

se di perle di luna o di mare

E sulla soglia dei giorni

lì dove degli altri l’incanto ti attende,

appari in un incedere fiero e sicuro

e l’ornamento tuo reale:

un cappello ogni giorno d’un sempre nuovo colore;

così bene così bene

t’adorna le guance vellutate di cipria d’ardesia,

i tuoi occhi di stelle,

i capelli di grano lucente intarsiati di sole

11008402_375920145928680_6266894741945296943_n

Son di lucciole i tuoi occhi

e hai il grano tra i capelli,

sulle guance son papaveri

e hai il miele sulle labbra

Sul sorriso, solo il sole,

a illuminare,

il mio bimbo,

la sua mamma Iris Battistini

dal “Dono di credere”

10487232_306166679570694_1973724834262928132_n

NESSUN ALTRO COLORE

Una colomba

Un cigno

Un giglio

Il latte

La neve

E nessun altro colore, Alda

10253850_375952059258822_8647499283547718173_n

E’ nostra l’allegria di queste valli, di questi monti, Norma

Sappiamo tutti i colori dell’anno

Sappiamo dell’uva e delle ciliegie,

dei larici e delle ginestre,

dei pavoni e delle sorgenti,

delle bacche e del melo selvatico

Sappiamo della pioggia e della neve

e di tutte le cose buone lungo la strada di Collina di Pondo

E il tuo terrore delle frane

10984104_367566930097335_1905514469478825816_n

Non scomparire nell’azzurro,

restami vicino come ora nel silenzio

se chiudo gli occhi ti guardo

1425629_310613812459314_8883542751870846954_n

LASCIATEMI SOLA

Lasciatemi sola che ho molto da fare ora.

Ora devo sdraiarmi,

chiudere gli occhi,

andare da lui e vivere.

11051901_389572487896779_3658415338846679964_n

…e scoprirsi a guardarlo

con occhi nuovi…

di sole ed acqua
il suo volto

tutto l’azzurro
nelle mani

dall’altra parte
dell’oceano

e così vicino
che potrei toccarlo

10501786_398916523629042_8773848413292821292_n

Gli porterò ciliegie
e fragole di bosco

Limpida
nell’azzurro
suo sorriso

si specchierà
l’ultima solitudine
La più cara

11039298_398611243659570_6208989856203786411_n

Sapevo che c’eri
e mi amavi
Ma non riuscivo,
nel sogno,
a vederti

11231798_402648579922503_8717501981664636967_n

A MIO PADRE
Tra le mi braccia
ti ho portato lassù,
babbo,
nel punto più alto
della collina
e quel peso
troppo lieve
di te
ho sparso nel vento
Ed ora sono vuote
le mie mani
e tu sei
in nessun luogo
e sei ovunque
come a me
la viva luce
del tuo ultimo
dolcissimo sorriso

10516831_322514044602624_1204022474928259022_n

COME IL CORALLO
Il tempo,
non ti porterà
via da me
perché anche tu
sei ormai
il mio tempo
ed un mio luogo
sei
come il corallo
nella profondità
del mare
E guarderò la neve
come fossero i tuoi occhi
Ai bimbi sorriderò
come fosse il tuo sorriso
E’ così
che io torno a te
che, seppur distante,
sei linfa chiara
che nutre la mia mente
E gli ultimi miei passi
il mio ultimo respiro
porteranno anche il tuo volto

1425712_318951671625528_5256756072762337954_n

..e scoprirsi a guardarlo
con occhi nuovi…
di sole ed acqua
il suo volto
tutto l’azzurro
nelle mani
dall’altra parte
dell’oceano
e così vicino
che potrei toccarlo

10501786_398916523629042_8773848413292821292_n

LA MENTE DI LEONARDO. DISEGNI DI LEONARDO DAL CODICE ATLANTICO

LA MENTE DI LEONARDO. DISEGNI DI LEONARDO DAL CODICE ATLANTICO

 

 

29525-795

nell’immagine: Leonardo da Vinci, Geometria f. 795 r Quadratura di porzioni di corone circolari e proporzionalità tra cerchi, penna e inchiostro su carta mm 210 x 295 antica numerazione 225 C.A. 795 r (ex 291 v b) Circa 1508-10.

Comunicato stampa

Dal 10 marzo al 31 ottobre 2015, la mostra “LA MENTE DI LEONARDO.DISEGNI DI LEONARDO DAL CODICE ATLANTICO” presenta alla PINACOTECA AMBROSIANA e alla SAGRESTIA DEL BRAMANTE, 88 fogli che coprono gli interessi artistici, tecnologici e scientifici del Genio del Rinascimento, lungo tutta la sua carriera.
Saranno Leonardo da Vinci e il suo Codice Atlantico gli ambasciatori della Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano ad EXPO 2015.
Per tutto il periodo dell’Esposizione Universale, dal 10 marzo al 31 ottobre 2015, la mostra La mente di Leonardo. Disegni di Leonardo dal Codice Atlantico, allestita nei due spazi della Pinacoteca Ambrosiana e della Sagrestia del Bramante nel convento di Santa Maria delle Grazie, consentirà di far conoscere la personalità di Leonardo e la ricchezza delle tematiche da lui toccate, la varietà dei suoi campi di interesse e di studio, la particolarità della sua opera e del suo genio nel contesto del Rinascimento italiano. Attraverso gli studi presenti nello stesso Codice Atlantico o, per alcuni fogli sciolti, come quelli artistici, conservati in Ambrosiana.
L’iniziativa chiude il ciclo di esposizioni iniziate nel 2009, in occasione del IV centenario dell’apertura al pubblico dell’Ambrosiana, col fine di offrire ai visitatori l’opportunità di potere ammirare nella quasi sua interezza il Codice Atlantico.
La mente di Leonardo, curata da Pietro C. Marani, propone un nucleo di 88 fogli – esposti in due tempi, di tre mesi ciascuno – che illustrano alcune delle principali tematiche artistiche, tecnologiche e scientifiche, cui Leonardo si è interessato lungo tutta la sua carriera, e che si articolano in sezioni che danno conto di Studi di idraulica, Esercitazioni letterarie, Architettura e scenografia, Meccanica e macchine, Ottica e prospettiva, Volo meccanico, Geometria e matematica, Studi sulla Terra e il Cosmo e Pittura e Scultura. Quasi seguendo l’ordine delle proprie competenze elencato dallo stesso Leonardo nella celebre missiva con cui offre il suo lavoro a Ludovico il Moro.
“Sfogliando le pagine del Codice Atlantico – afferma Pietro C. Marani – in questo cuore segreto di Milano, ed esaminando i disegni e le carte in esso contenute, si rivive l’emozione di un contatto diretto con la mente di Leonardo, mentre si è catapultati nell’atmosfera e nel clima degli anni gloriosi del collezionismo milanese. Quando Galeazzo Arconati, nel 1637, poteva donare i preziosi manoscritti di Leonardo da lui fino ad allora posseduti, e custoditi nel Castellazzo di Bollate, alla Biblioteca Ambrosiana appunto”.
Particolarmente interessante sarà l’analisi della tematica architettonica; in mostra si può ammirare una veduta di chiesa a pianta cruciforme che ricorda l’abside di Santa Maria delle Grazie a Milano, disegni per edifici ottagonali, lo studio per il Tiburio del Duomo di Milano che testimonia la presenza effettiva di Leonardo in quel cantiere o ancora i disegni per una galleria sotterranea, per una fortezza a pianta semi-stellare, per un ponte mobile. Questi ultimi tre studi d’arte militare danno l’idea delle applicazioni pratiche con cui Leonardo dovette cimentarsi al servizio dei potenti del suo tempo, come Ludovico il Moro, preoccupati per la loro sicurezza.
La sezione ‘Congegni e invenzioni’ analizza uno dei campi di indagine più spettacolare esplorato da Leonardo: quello sul volo umano, qui rappresentato da quattro studi in cui la macchina volante è associata allo studio delle ali battenti.
Catalogo De Agostini.
Breve storia del Codice Atlantico
Il Codice Atlantico (il nome deriva dal suo grande formato, tipo atlante) è la più ampia e stupefacente collezione di fogli leonardeschi che si conosca.
Questo enorme volume (401 carte di mm 650×440) fu allestito nel tardo Cinquecento dallo scultore Pompeo Leoni (1533 ca.-1608) che raccolse, quasi alla maniera di zibaldone, una raccolta miscellanea di scritti e disegni vinciani costituita di circa 1750 unità.
Il materiale raccolto nel Codice Atlantico abbraccia l’intera vita intellettuale di Leonardo per un periodo di oltre quarant’anni, cioè dal 1478 al 1519. In esso si trova la più ricca documentazione dei suoi contributi alla scienza meccanica e matematica, all’astronomia, alla botanica, alla geografia fisica, alla chimica e all’architettura. Disegni di ordigni da guerra, macchine per scendere nel fondo del mare o per volare, dispositivi meccanici, utensili specifici di vario genere frammisti a progetti architettonici e urbanistici. Ma c’è pure la registrazione dei suoi pensieri attraverso apologhi, favole e meditazioni filosofiche. I singoli fogli sono gremiti di annotazioni sugli aspetti teorici e pratici della pittura e della scultura, dell’ottica, della teoria della luce e dell’ombra, la prospettiva sino alla descrizione della composizione dei materiali usati dall’artista.
Cinque anni dopo la morte di Pompeo Leoni, il figlio Giovan Battista offrì a Cosimo II de’ Medici, Granduca di Toscana, l’acquisto del Codice Atlantico. Al suo rifiuto, nel 1622 Galeazzo Arconati, di nobile casata milanese, ottenne per 300 scudi una parte del tesoro vinciano dal genero di Pompeo Leoni Polidoro Calchi, marito della figlia Vittoria. Nel 1637, l’Arconati faceva munifico dono alla Biblioteca Ambrosiana del Codice Atlantico assieme ad altri 11 manoscritti leonardeschi e al De divina proportione di Luca Pacioli.
I codici vinciani rimasero custoditi con ogni cura nella Biblioteca Ambrosiana sino all’ultimo decennio del sec. XVIII. Il 15 maggio 1796 (26 fiorile Anno VI) l’esercito francese guidato da Napoleone entrava in Milano e quattro giorni dopo, veniva pubblicata un’ordinanza che, con il pretesto di conservare i patrimoni dell’arte, determinava i procedimenti da tenere nello spogliare le città di quegli oggetti artistici o scientifici che potevano arricchire i musei o le biblioteche di Parigi. Nella capitale francese il Codice Atlantico rimase sino al 1815 quando, in seguito alla capitolazione francese, fece ritorno alla originaria sede milanese per non muoversi più.
È del 2008 la decisione di sfascicolare i 1118 fogli che, legati insieme e montati su grandi fogli di carta, costituivano i dodici volumi che formavano il Codice Atlantico. Dopo una serie di analisi sullo stato di conservazione dei fogli, e di incontri e discussioni scientifiche, mantenendo i passe-partout moderni sui quali erano fissati i fogli originali di Leonardo, si è resa possibile la visione, a rotazione, grazie al montaggio di ogni singolo foglio in un nuovo passe-partout rigido, di gran parte del Codice Atlantico.

Pinacoteca Ambrosiana: da martedì a domenica (chiuso lunedì) dalle 10,00 alle 18,00, ultimo ingresso ore 17,30.
Sagrestia del Bramante: lunedì 09,30 – 13,00 e 14,00 – 18,00; da martedì a domenica: 8.30 – 19.00, ultimo ingresso mezz’ora prima della chiusura