SOLIDARIETA’, DIVERTIMENTO E …GIOIA!

gioiagif

 

                                                   TALAMONA 21 giugno 2014 grande successo per la festa del “Gnocco fritto”
UNA GIORNATA ALL’INSEGNA DELLA SOLIDARIETA’ E DEL DIVERTIMENTO
SI CONCLUDE CON QUESTA GIORNATA UN’ALTRA FECONDA STAGIONE DI ATTIVITA’ PER IL GRUPPO DELLA GIOIA
Un successo senza precedenti quello che ha salutato quest’oggi la sesta edizione della festa dello gnocco fritto che, come ogni anno presso il tendone della palestra comunale, chiude in bellezza la sempre intensa stagione di attività del Gruppo della Gioia, attivo nel campo della lotta contro il disagio sociale. Una festa caratterizzata da una nutrita partecipazione popolare, allietata da giochi gonfiabili per i bambini, musica dal vivo ma soprattutto dall’attrazione culinaria principale, “il gnocco fritto” appunto, un piatto che una componente del Gruppo della Gioia ha importato dall’Emilia Romagna e che ogni anno si conferma apprezzatissimo dai talamonesi che hanno avuto la possibilità di comprarlo anche da asporto. Una festa alla quale il Gruppo della Gioia tiene particolarmente in quanto le offerte raccolte nell’ambito della giornata costituiscono un introito essenziale in base al quale stabilire nello specifico le attività da portare avanti, fondamentali per allietare le giornate di tanti talamonesi bisognosi di conforto, compagnia e distrazioni, disabili e anziani, ma anche volte a migliorare il rendimento scolastico degli alunni delle elementari e delle medie con difficoltà attraverso il progetto di assistenza compiti del doposcuola. Una festa che dunque, si spera, possa continuare con successo anche nel corso di molti, moltissimi anni a venire.
Antonella Alemanni e il Gruppo della Gioia

IL SENSO DEI TALAMONESI PER LA SOLIDARIETA’

LA SECONDA PARTE DELLA NOSTRA RIFLESSIONE ANTROPOLOGICA

Non di rado, il senso dei talamonesi per la collettività assume una sfumatura di vera e propria utilità sociale. Lo stare insieme non ha più dunque soltanto scopi di divertimento o di commemorazione, ma diventa anche una forma di aiuto concreto. Con questo spirito molto spesso nascono i gruppi che ormai sono una vera e propria tradizione della nostra comunità. L’esempio più efficace di questa socialità a tutto campo è il gruppo della gioia, un’associazione di volontariato che da diversi anni a Talamona offre assistenza e intrattenimento ai soggetti diversamente abili e alle loro famiglie, un aiuto indispensabile per garantire a queste persone una vita il più possibile normale, un aiuto che si manifesta nell’organizzazione delle loro vacanze, in spazi ricreativi con attività ludiche e il più possibile formative. Un senso di solidarietà che coinvolge anche lo sport, un aspetto onnipresente e capillare della nostra vita comunitaria. Significativi da questo punto di vista sono il peruvolley organizzato ogni anno nel mese di giugno nell’ambito dell’operazione Mato Grosso, una ONLUS che ha come scopo l’aiuto mirato alle popolazioni del Sudamerica, e la camminata non competitiva a favore dell’AIDO l’associazione dei donatori di organi e tessuti che si avvale dell’aiuto del Comune di Talamona, della Pro Loco, della Provincia di Sondrio della podistica del gruppo alpini e altri gruppi talamonesi. Significativo anche il numero di talamonesi che sempre più danno la loro adesione diretta ad associazioni di volontariato più o meno importanti sia a livello locale che nazionale, come appunto il gruppo della gioia oppure EMERGENCY, SAVE THE CHILDREN, associazioni per le quali il volontariato è una vera e propria linfa vitale e che dunque viene promosso molto spesso nell’ambito di serate informative volte a stimolare il già naturale senso dei talamonesi per la solidarietà.

Antonella Alemanni